Covid-19. Ruzzante, Bartelle, Guarda (Veneto 2020): «La Regione riapra l’Ospedale di Monselice»

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter


«L’Ospedale di Monselice deve essere riattivato a pieno regime, non come “riserva Covid” ma come ospedale perfettamente funzionante, in grado di rispondere alle diverse esigenze di cura. Con la trasformazione di Schiavonia in “Covid Hospital”, la Bassa Padovana (un territorio con una popolazione di circa 180 mila persone) è rimasta senza ospedali. Ricordiamo che Schiavonia era l’ultimo presidio rimasto, dopo la sospensione di ben 4, ed era comunque insufficiente da solo alla copertura di un territorio così vasto».
Così i consiglieri regionali del coordinamento Veneto 2020, che nella giornata di oggi hanno depositato un’interrogazione urgente per chiedere alla Giunta regionale di provvedere quanto prima alla riapertura dell’Ospedale di Monselice. «Va ripensata l’allocazione e la distribuzione dei servizi, non è possibile che per il punto nascite si debba andare a Piove di Sacco, Cittadella o Camposampiero e per le terapie oncologiche a Piove di Sacco. In generale, i servizi sospesi a Schiavonia devono tornare ad essere fruibili nel territorio della Bassa, così come dovranno tornare fruibili i servizi sospesi negli ospedali trasformati in hub Covid-19 in ciascuna delle province venete, come abbiamo già rappresentato al Presidente e all’Assessore in una nota inviata la settimana scorsa».

Piero Ruzzante (Veneto 2020 – Liberi E Uguali), consigliere regionalePatrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia In Comune), consigliera regionaleCristina Guarda (Veneto 2020 – Civica per il Veneto), consigliera regionale

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *