Sanità, ospedale di Adria: sala d’aspetto stracolma, test covid in ritardo e pazienti convocati per nome e cognome. Bartelle (IIC): “Utenti della sanità presi in giro”

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Venezia 24.06.2020 – “Arrivare in orario, anzi in anticipo, limitazioni per l’ingresso di accompagnatori, percorsi differenziati per entrata e uscita, mascherine, gel al 70% di alcool. Sono solo alcune delle indicazioni, fondamentali, che tutti gli ospedali hanno posto in essere per contenere la diffusione del contagio da Coronavirus”

“Certo che se poi, al lato pratico, tali indicazioni rimangono solo belle parole allora la situazione diventa grottesca e ci si sente presi in giro”

Così la Consigliera Regionale Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che aggiunge

“Sarebbe accaduto all’ospedale di Adria dove, stando a quanto riferisce oggi il Resto del Carlino, a causa di alcuni ritardi si sarebbe arrivati ad avere nella stessa sala d’attesa ben 34 persone e per giunta alcune sarebbero state in attesa del risultato del test Covid e quindi potenzialmente positive. Il rischio di un contagio multiplo e dello sviluppo di un nuovo focolaio è grave e inaccettabile” 

“Ciliegina sulla torta, una volta sbloccata la situazione, i pazienti sarebbero stati convocati con nome e cognome in barba alla riservatezza e dando modo a chiunque di fare il collegamento tra nominativo e condizioni di salute”

“Sono situazioni intollerabili – commenta Bartelle – che denotano scarsa attenzione per l’utenza. D’altro canto una sanità pubblica che da vent’anni viene smantellata pezzo per pezzo non può che mostrare qualche cedimento. Il punto è che, nel corso di un’emergenza sanitaria come quella attuale, queste leggerezze possono costare la vita a qualcuno”

“Ho quindi chiesto alla Regione di intervenire immediatamente e chiedo ai cittadini di segnalare sempre queste situazioni che non devono passare sotto traccia o essere sottovalutate”. 

“Visto l’accaduto scappa un sorriso per le lodi bipartisan che arrivano in questi giorni al direttore generale di ULSS5 prossimo alla pensione. Benvenuto al nuovo che avanza, verrebbe invece da dire”.

Patrizia Bartelle, Consigliera Regionale, Italia in Comune

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *