Salute. Screening Covid, Bartelle (VES) “La fase 3 prevede tamponi per i sanitari ogni 20 giorni ma in Polesine si parla di 5 mesi, qualcosa non quadra”

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Venezia 23.07.2020 – “Se incrociamo le notizie diffuse dalla stampa di oggi c’è da star tranquilli”

“Il Corriere del Veneto parla di ‘fase 3’ specificando che lo screening degli operatori sanitari è ora previsto ogni 30 giorni anziché 20”

“Su rovigooggi.it invece, si legge che in Polesine c’è agitazione in due case di cura nelle quali, da inizio pandemia, gli operatori sarebbero stati sottoposti a screening una sola volta”

Così la Consigliera Regionale Patrizia Bartelle (Veneto Ecologia Solidarietà) che aggiunge:

“Se fosse vero sarebbe davvero un dato preoccupante. Questo virus può essere sconfitto solo se le misure di prevenzione rimangono alte soprattutto nei luoghi in cui si trovano gli anziani, i soggetti più esposti alle conseguenze fatali del Covid”

“La Regione è chiamata a vigilare con la massima attenzione su eventuali carenze innanzitutto per evitare che si ripetano casi di pericolosi focolai nelle case di riposo e rsa e, ove ciò accada comunque, per accertare eventuali responsabilità”

“Inoltre è incomprensibile siano stati ridotti i controlli sul personale delle farmacie visto l’aumento dell’utenza che vi accede per usufruire di quei servizi che al momento sono sospesi all’interno delle AULSS”

“La vicinanza della tornata elettorale congela molte delle funzioni del consiglio Regionale che comunque saranno ripristinate non appena inizierà la prossima legislatura e i nuovi consiglieri avranno il compito di assicurarsi che i cittadini siano stati tutelati al massimo”

Patrizia Bartelle, Consigliera Regionale, Veneto Ecologia Solidarietà

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *