Ospedale Trecenta, Bartelle “Regione, ULSS e Sindaci si mobilitino per l’immediato ripristino del Pronto Soccorso”

Venezia 30.04.2020 – “Ormai è passato quasi un mese da quando i cittadini altopolesani hanno perso, oltre ad altri servizi, anche il loro Pronto Soccorso all’Ospedale San Luca. Nel nosocomio, infatti, durante l’emergenza sanitaria Covid-19 viene mantenuto solo un Punto di Primo Intervento”                                                                                                         

“L’Alto Polesine è stato lasciato senza Pronto Soccorso mentre, in Basso Polesine, fortuna loro, i cittadini hanno continuato ad averne due. C’è logica egualitaria in tutto questo?”

Così la Consigliera Regionale Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che ringrazia Guglielmo Brusco di Rifondazione Comunista per la segnalazione e per l’incessante attività di sensibilizzazione e aggiunge: “C’è anche un’altro aspetto che evidenzia la disparità di trattamento tra diverse zone del Polesine: al San Luca, in Alto Polesine,  prima di Covid-19  c’erano solo 4 posti letto di Area Terapia Intensiva mentre nel Medio Polesine 24 nel Basso Polesine 8.Insomma gli altopolesani devono essere sempre gli ultimi? Che siano figli di un dio minore? Chiedo a                                                                                                                   Corazzari e Giacometti, entrambi leghisti rispettivamente in Regione e in Parlamento, non sarebbe il caso di fare di più per l’Alto Polesine?
Mi chiedo anche come mai i sindaci locali si facciano sentire così poco su questo argomento, eppure i cittadini che per andare all’ospedale devono affrontare viaggi e sofferenze sono anche i loro. Il Sindaco di Trecenta, ad esempio, ha visto svuotare il San Luca di molti servizi ma non mi risulta abbia ancora detto nulla su cosa intenda fare per far riattivare il Pronto Soccorso.
Zaia, che continua a parlare di riaperture, quanto intende far riaprire il Pronto Soccorso del San Luca di Trecenta?

E, dopo che gli altopolesani hanno accettato che il loro ospedale sia messo a disposizione per combattere il Coronavirus, non sarebbe ora di riportare, punto per punto, i servizi ambulatoriali e di reparto all’Ospedale di Trecenta?                                                                                                                                                                               

Non si riesce a combinare le generali esigenze sanitarie dei cittadini altopolesani, prima curate seppure in parte al San Luca, con le nuove necessità dettate dal Coronavirus?                                                            

Prevedere due percorsi diversi, utili per tutta la popolazione e non solo per coloro che sono colpiti da Coronavirus, non era e non è realizzabile?                                                                                                                                             

Ci sono esempi che vanno in questa direzione e per questo chiediamo che prevalga il buon senso e che il Pronto Soccorso ritorni rapidamente in Alto Polesine. Questa mattina, infatti, ho depositato un’interrogazione proprio per sapere quando ciò avverrà.                                                                               

Concludo con un invito ai sindaci affinché prendano una posizione, potranno anche dire ‘no’ alla riapertura del Pronto Soccorso di Trecenta e invitare i loro cittadini a recarsi a Rovigo, Adria, Porto Viro o in altri ospedali fuori provincia, ma dovranno assumersene anche la responsabilità politica.”

Patrizia Bartelle, Consigliera Regionale, Italia in Comune 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *