Polesine, Ipab, Bartelle (IIC) “Mi rivolgo ai Sindaci di Rovigo, Adria, Cavarzere e Merlara. Vi rendete conto che state perdendo il controllo delle strutture?”

É di questi giorni la notizia che Badiale, già Direttore delle Case di Riposo di Adria, Cavarzere e Merlara assumerà anche la direzione della struttura di Papozze.
“Al netto delle sue straordinarie capacità manageriali, dobbiamo chiederci quale sia il disegno complessivo che sottende questo incredibile cursus honorum.”
La risposta è contenuta nell’accordo per la condivisione di attività di carattere amministrativo sottoscritto lo scorso 16.02.2018 tra Iras di Rovigo, Csa di Adria, Ipab di Cavarzere e Csa di Merlara, in cui oltre a prevedere forme di collaborazione amministrativa tra le varie Case di Riposo, ivi compresa la mobilità del personale dipendente, di fatto si affida al Dott. Badiale la Direzione delle quattro strutture, con il beneplacito del Commissario regionale dell’Iras di Rovigo.”
Sono le parole della Consigliera Regionale Patrizia Bartelle di Italia in Comune che aggiunge:  “A quanto pare Badiale diventerebbe il regista della fusione tra Ipab in Polesine, spogliando i singoli Comuni della loro autonomia nella gestione di strutture assistenziali operanti da decenni, in alcuni casi da secoli.”
“In pratica nella nostra terra la riforma delle Ipab è già in atto senza che però la relativa legge regionale sia mai entrata in vigore. Infatti il progetto di legge regionale n. 25 di trasformazione delle Ipab  è stato sì depositato della Lega nel 2015 ma questa non lo ha mai sottoposto all’approvazione del Consiglio Regionale.”
“Un disegno accentratore, che espropria le comunità locali e indebolisce il servizio pubblico – conclude Bartelle – un disegno privatistico, che peggiora in prospettiva le condizioni di vita degli ospiti e di lavoro degli operatori. Un disegno pericoloso per le nostre Case di Riposo che ricalca il disegno di spoliazione dei singoli territori, tutto leghista, al quale abbiamo già assistito durante l’iter di approvazione delle schede ospedaliere.”
Patrizia Bartelle, Consigliera Regionale, Italia in Comune

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *