Pubblicate le schede ospedaliere, Adria è Spoke. Bartelle (IIC) e Ruzzante (LEU) “Vittoria dei cittadini, dei comitati e degli amministratori contro la Lega. Ma non è tutto oro ciò che luccica”

Venezia 28.05.2019
“Pubblicate oggi, a seggi chiusi, le schede ospedaliere. Confermato, Adria rimane classificato come ospedale Spoke. Il merito è dei cittadini, dei comitati e degli amministratori locali che si sono battuti per salvare l’ospedale di Adria, non certo della Lega che lo voleva declassare a ospedale di base”
I Consiglieri Regionali Patrizia Bartelle (Italia in Comune) e Piero Ruzzante (Liberi e Uguali) commentano così le schede ospedaliere appena uscite
‘Spoke’, tradotto dall’inglese, significa ‘raggio’. Possiamo parlare di ‘raggio di sole’ sulla sanità polesana?”
“Purtroppo è ancora presto per gioire perché la Lega ci ha messo lo zampino prevedendo che il riconoscimento di Adria (insieme a Chioggia e Piove di Sacco) come Spoke sia subordinato ‘alla verifica del tavolo 70/2015’ ossia l’accertamento della sussistenza dei presupposti di efficienza i quali risentono, ad esempio, della non operatività alcuni servizi per eventuali manutenzioni della mancata sostituzione di medici assenti per ferie, malattie o gravidanza.”
“Occorre quindi – concludono Bartelle e Ruzzante – che chi, come noi, oggi può gioire di questo risultato continui a vigilare affinché nell’ospedale di Adria siano garantiti in modo continuativo gli standard necessari per il mantenimento della classificazione di Spoke”
Patrizia Bartelle, Consigliera Regionale, Italia in Comune Piero Ruzzante, Consigliere Regionale, Liberi e Uguali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *