Nomine Veneto Sviluppo, l’ex Consigliera (decaduta) ed ex Assessora Coppola afferma di essere stata nominata componente del cda a sua insaputa. Bartelle (IIC): “siparietto propagandistico, per poter essere nominata non ha potuto non accettare la candidatura. Non poteva non sapere”

Venezia 27.06.2019
“Qui in Polesine Marialuisa Coppola la conosciamo bene: dichiarata  decaduta come Consigliere Regionale per aver speso più del dovuto in campagna elettorale ha ricoperto gli incarichi di Assessore alle Politiche di Bilancio nella GIunta Galan e poi di Assessore allo Sviluppo economico, Pari opportunità e Diritti umani, nella Giunta Zaia, dice di volersi occupare solo del suo ristorante ma è davvero difficile credere che la candidatura a Veneto Sviluppo sia avvenuta a sua insaputa”
Così la Consigliere Regionale Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che non crede ad una parola di quanto affermato dalla Coppola nell’articolo apparso sul Gazzettino di oggi
“E’ incredibile – continua Bartelle –  come si possa affermare pubblicamente una cosa che nella realtà delle carte e dei fatti è del tutto diversa e può essere smentita da chiunque: la candidatura, anche quando avvenuta su istanza di altro Consigliere, è sorretta da una dichiarazione del candidato di preventiva accettazione dell’incarico. La Coppola non ha bisogno di giustificarsi: ha accettato la candidatura  e probabilmente ha dimenticato che questo comportasse, inevitabilmente, la partecipazione alla successiva procedura per la nomina. Speriamo che nello svolgimento del delicato incarico appena ottenuto non abbia a soffrire di tali amnesie”
Patrizia Bartelle, Italia in Comune, Consigliera Regionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *