Colline del Prosecco patrimonio UNESCO. Bartelle (IIC): “la nomina sia occasione per risolvere le problematiche relative ai pesticidi sollevate da associazioni, comitati e cittadini”

“Erano in molti ad essere contrari alla candidatura a sito UNESCO delle colline del Prosecco perché un simile riconoscimento dovrebbe essere sinonimo di un luogo in cui tutti i soggetti coinvolti convivono e si sostengono vicendevolmente mentre, invece, in questo caso non è così”
“Associazioni come WWF, Legambiente, Pesticide Action Network, Marcia Stop pesticidi e Colli Puri hanno chiaramente denunciato le criticità relative ai possibili effetti della viticoltura intensiva e dell’uso dei pesticidi”
Così la Consigliera regionale Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che aggiunge 
“Parliamoci chiaro, è una realtà in cui i vigneti lambiscono le aree abitate e i luoghi sensibili come gli asili e le scuole. Emblematico è il caso di San Giacomo di Veglia (Vittorio Veneto) al centro di una battaglia tra il Comune e un’azienda agricola che ha realizzato il vigneto a ridosso di un asilo. Ma non è l’unico caso”
“Ora che l’area è patrimonio UNESCO e che, almeno così dice la Lega, i turisti e gli introiti decuplicheranno allora queste nuove risorse dovranno essere impiegate per risolvere concretamente le problematiche del territorio”
“Aspetterei quindi – chiosa Bartelle – a cantare vittoria perché se la situazione involverà verso una ulteriore massificazione della produzione e una incontrollata invasione di turismo allora finirà che assisteremo anche ad un abbandono di queste aree da parte dei residenti. Praticamente quello che da anni accade a Venezia”
“Come Consigliera regionale impegnata anche in materia di ambiente sono, come sempre, a disposizione di chiunque intenda concretamente impegnarsi in difesa dell’ambiente e della salute. L’ho già fatto con PAN Italia per la consegna della documentazione sui pesticidi presso la sede UNESCO di Venezia”
Patrizia Bartelle, Italia in Comune, Consigliera Regionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *