Lessinia. Ruzzante, Bartelle, Guarda (Veneto 2020): «Giù le mani dal Parco: voteremo no alla pdl regionale»

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Dopo la nuova lettera, con la quale 107 associazioni veronesi chiedono al consiglio regionale di non modificare i confini del Parco della Lessinia, i tre consiglieri regionali del coordinamento Veneto 2020 annunciano la propria contrarietà al pdl presentato dalla maggioranza: «facciamo nostro l’appello in difesa del Parco, sottoscritto da 107 associazioni rappresentative della Lessinia e della provincia di Verona, e chiederemo ai consiglieri della maggioranza di ritirare la proposta di legge regionale 451. Se la proposta non verrà ritirata, annunciamo fin d’ora il nostro voto contrario».

«Un appello simile, da parte di realtà qualificate e rappresentative del territorio, non può e non deve restare ignorato. Del resto è incomprensibile la proposta della maggioranza di ridurre i confini del Parco: abbiamo salutato il vecchio anno con Venezia sott’acqua e inaugurato il nuovo con l’Australia che brucia, l’emergenza climatica e ambientale è sotto gli occhi di tutti e la Lega pensa ancora a ridurre le zone naturali protette? Il primo ventennio del terzo millennio si è svolto in Veneto all’insegna della cementificazione e del consumo di suolo, con una perfetta continuità nelle Giunte regionali Galan-Zaia. È ora di cambiare: liberiamo la nostra terra dal cemento e dall’asfalto. Cominciamo col dire forte e chiaro che i parchi naturali non vanno ridotti ma, semmai, estesi».

Piero Ruzzante (Veneto 2020 – Liberi E Uguali), consigliere regionale

Patrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia In Comune), consigliera regionale

Cristina Guarda (Veneto 2020 – Civica per il Veneto), consigliera regionale

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *