Bando mense in ospedale. Ruzzante, Bartelle, Guarda (Veneto 2020): «Perché Azienza Zero ha ignorato le sentenze del Consiglio di Stato e i rilievi dell’Anac?»

Venezia, 8 novembre 2019 – «Siamo veramente alla follia: il Consiglio di Stato annulla il mega-appalto, l’Anac si pronuncia con una pesantissima censura e Azienda Zero cosa fa? Ripropone il bando sostanzialmente immutato! La Giunta Zaia deve spiegarci subito, se ne è in grado, le ragioni di questa scelta che appare al di fuori di ogni grazia di dio». Così i consiglieri regionali del coordinamento Veneto 2020, che nella giornata di oggi hanno depositato un’interrogazione (la quinta, su questa vicenda che si trascina dal gennaio 2018) indirizzata alla Giunta regionale “per conoscere le motivazioni sulla scorte delle quali Azienda Zero avrebbe deciso di svolgere la riedizione della gara per il servizio di ristorazione delle mense ospedaliere non tenendo conto delle decisioni del Consiglio di Stato e dei rilievi dell’ANAC”.

«Sembra di assistere ad un delirio di onnipotenza: nonostante le sentenze, il bando viene ripresentato con la stessa impostazione. In particolare c’è ancora il sistema di cottura esterno e non è stato introdotto alcun vincolo di aggiudicazione: due aspetti che, nelle sentenze del Consiglio di Stato e secondo il parere dell’Anac, avrebbero favorito una specifica società, ovvero la Serenissima Spa il colosso dell’imprenditore Mario Putin che avrebbe così ottenuto il monopolio della ristorazione ospedaliera in Veneto. Anche noi avevamo anticipato in aula queste contestazioni, che sono però rimbalzate sul muro di gomma dietro cui si è nascosta la Giunta Zaia».

«La Giunta infatti finora si è rifiutata di rispondere nel merito alle nostre interrogazioni, rifugiandosi dietro a motivazioni tecniche e al ritornello secondo cui “non commentiamo fatti che sono al vaglio della magistratura”. Bene, i giudici si sono espressi e c’è il parere dell’Anac. Ora Zaia e i suoi devono rispondere e spiegarci cosa sta succedendo ad Azienda Zero – concludono i consiglieri regionali –. Perché sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico…».

Piero Ruzzante (Veneto 2020 – Liberi E Uguali), consigliere regionale

Patrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia In Comune), consigliera regionale

Cristina Guarda (Veneto 2020 – Civica per il Veneto), consigliera regionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *